Gestire le emergenze o cambiare paradigma?


Gestire le emergenze o cambiare paradigma?

Entrambe le cose, per quanto mi riguarda.

Dal 2010, dopo un linfoma ufficialmente guarito ma che mi ha lasciato strascichi funzionali a causa di 2 settimane di coma, 6 mesi di ospedale e 18 mesi di sedia a rotelle, sono immunodepresso.

La mia vicenda la potete trovare leggendo le mie pubblicazioni e i miei libri ma ho voluto fare questo preambolo per non urtare la sensibilità di nessuno in un momento peraltro difficilissimo per tutti, specialmente per chi lavora per tutelarci la salute.

Posto che è insindacabile trovare una cura e un farmaco per rimediare all’emergenza, occorre capire perchè ci sono persone che vengono contagiate e altre no. Se fossimo tutti uguali, saremmo tutti contagiati oppure saremmo tutti asintomatici.

Io provo, umilmente e nel mio piccolo, a riflettere e ad introdurvi un seme di riflessione (so di essere seguito anche da tanti medici e ricercatori oltre alle Istituzioni mediche e politiche):

perchè non si pensa anche ad una prevenzione e ad avere una popolazione di persone che in questi frangenti rimarrebbero asintomatiche o non contagiate?

Utilizzo immagini pubbliche, prese dalla TV e dai TG oltre che sui social per farvi riflettere su quanto segue:

i video di persone contagiate spopolano ormai ovunque. Ieri ho avuto un brivido quando ho visto questa signora in video:

Posto che non mi permetto, e lo sottolineo, non mi permetto di dire nulla sul Covid 19, le sue cause, la sua cura, a scanso di equivoci e di strumentalizzazioni, vorrei farvi notare come questa signora, medico veterinario, non sia una persona (come lei stessa si autodefinisce) “normale e senza patologie pregresse” ma vi evidenzio come questa signora abbia un Disequilibrio Meccanico Abituale del corpo (DMA) piuttosto evidente.

Un altro video che spopola in TV è quello di questo ragazzo torinese peraltro ex collega di un mio cliente:

La persona in questione riferisce di aver contratto una polmonite un mese prima e di averla un po’ trascurata.

Se due indizi fanno una prova, vorrei segnalarvi un problema comune di queste due persone: entrambe hanno un Disequilibrio Meccanico Abituale del corpo nella Fase 3/4 del DMA secondo la mia scoperta.

Una persona con un DMA in Fase 3/4 è una persona molto indebolita anatomicamente e fisicamente, a prescindere dalle emergenze.

Per chi non fosse al corrente di cosa sia un DMA vi invito nuovamente a leggervi le mie pubblicazioni tuttavia è innegabile un’asimmetria da rapporto scheletrico cranio mandibola fuori asse (asse verde del cranio, asse rosso della mandibola). Le verticali verdi e rosse dovrebbero combaciare:



Di seguito il link al video pubblicato sui social:https://www.facebook.com/NapoliFanpage.it/videos/2956245277754681/


Il problema è che per la medicina, per la scienza e quindi per l’OMS, questa “asimmetria” cranio-mandibola che però, a cascata, prosegue in tutto il corpo fino alla punta dei piedi, non è presa in considerazione come possibile causa di disturbi/malattie e/o come fonte certa di perdita di forza e di energia.

Queste due persone hanno, conseguentemente, un’asimmetria di spalle, busto e bacino che grosso modo vi schematizzo con questa immagine e animazione:

Clicca per vedere il filmato:

Questo video evidenzia quella che è una posizione anatomica abituale SBAGLIATA di una persona che ha un’asimmetria scheletrica come per esempio quella della signora.

Le conseguenze di questa posizione anatomica ABITUALE, ovvero la sua posizione costante e sbagliata che ha sempre, ogni giorno, ogni anno, sono le seguenti:

lavoro asimmetrico dei muscoli del collo, del torace, del dorso, diaframma e addominali (questo per quello che concerne la mia disciplina di Personal Trainer).

Una persona con un Disequilibrio Meccanico Abituale come questa ha sicuramente la gabbia toracica compressa da fasci muscolari che, lavorando in modo asimmetrico avvitano la colonna vertebrale e schiacciano la gabbia toracica stirandone i muscoli.

Non è un problema meccanico da poco, anzi!

Eppure nessuno lo vede, o meglio, se lo vedono, non sanno ricollegarlo alla mia scoperta perchè di fatto, non la conoscono.

Sicuramente queste due persone hanno una respirazione abituale, anche in tempi non emergenziali, non corretta, sicuramente indebolita.

La mia domanda è: considerando che il mondo è pieno di persone in DMA come loro, possono essere più soggette a sviluppare polmoniti piuttosto che persone in sostanziale equilibrio meccanico abituale?

La mia attività che ho sviluppato proprio a seguito di questa scoperta che ho fatto nel 2001, utilizzando espedienti fisici e meccanici come esercizi e correzioni abituali del corpo (Conscious Practice Training OG), CORREGGE (non si cura una posizione del corpo, si corregge) questa posizione anatomica sbagliata e la riporta in uno stato di sostanziale equilibrio meccanico anatomico abituale:



La risposta, ovviamente non posso darla io, ma tutte le persone, me compreso, che in questi anni ho seguito, tutte hanno corretto la posizione anatomica abituale del corpo passando dall’asimmetria scheletrica alla sostanziale simmetria e passando, per esempio, dall’avere gabbie toraciche piccole e compresse a gabbie toraciche decompresse e con una funzionalità migliorata.

Gli atleti che seguo mi segnalano che la loro capacità polmonare è aumentata e me lo dicono a seguito delle registrazioni e valutazioni dei medici di medicina sportiva.

Io penso che il 2020 sia uno spartiacque e che si debba davvero prendere atto di tutte quelle scoperte ed invenzioni di buonsenso che possono in qualche modo migliorare la qualità della vita delle persone compatibilmente con il lavoro insindacabile e lodevole dei tanti medici e operatori sanitari che oggi rischiano la loro salute per la nostra.

Il mio consiglio è quello di pensare a prevenire le emergenze cambiando paradigma.

Nel frattempo sto rivedendo la pubblicazione del mio libro che ho scritto nel 2008 e presto pubblicherò la nuova versione aggiornata di terminologie e di disciplina; di seguito una bozza della nuova copertina revisionata:

Una preghiera a tutti i malati e all’instancabile lavoro di tutti gli operatori sanitari.


19 marzo 2020 – Maurizio Formia

Nuova attività – nuovo sito web: CPT-OG – Conscious Practice Training OG – Riequilibrio Meccanico Abituale del corpo umano


Dal 2020 potete seguirmi sul nuovo portale web della mia nuova attività di Trainer OG.

Il portale che verrà costantemente aggiornato sarà maurizioformia-og.studio e lo trovate al seguente link:

https://www.maurizioformia-og.studio

 

17 marzo 2020 – Maurizio Formia

La nuova attività, il CPT-OG, non è un trattamento e nemmeno una cura. E’ un procedimento progressivo alla meccanica abituale del corpo.


La domanda che ci fate spesso e che mi porta a rispondere pubblicamente dedicandovi un articolo è la seguente:

in cosa consiste il tuo metodo?

La mia attività, nata a seguito della scoperta che ho fatto nel 2001 e che tentano di copiare, senza conoscere, ormai in tutto il mondo ed in ogni disciplina di trattamento (non medico) e di cura (medica) del corpo umano,

consiste nell’identificare, individuare, riconoscere il tipo di disequilibrio meccanico abituale del vostro corpo (DMA) e di correggerlo.

IDENTIFICAZIONE E CORREZIONE.

Chi vuole DIAGNOSTICARE E CURARE/TRATTARE partendo da principi fisici meccanici simili a quelli da me descritti in questo sito e nelle mie pubblicazioni, vi sta di fatto ingannando.

Sono terminologie nuove, mai utilizzate da nessuna disciplina esistente, pertanto non si possono ricondurre, anche solo etimologicamente, ad attività o discipline conosciute.

Il Disequilibrio Meccanico Abituale del corpo umano lo identifico partendo dalla mia scoperta ovvero: il cranio pesa, è sostenuto da almeno 3 punti: la colonna vertebrale e la mandibola nella zona delle emiarcate dentarie.

Trovate la spiegazione anche sul sito Mypersonaltrainer:

Nessuno, oggi, in nessuna disciplina esistente, è in grado di IDENTIFICARE un Disequilibrio Meccanico Abituale del corpo in base alla mia scoperta.

Il problema, per le altre discipline, è che applicando la scoperta del Meccanismo che Sostiene Corpo e Psiche alla MECCANICA ABITUALE del corpo secondo la scoperta di questo principio fisico meccanico che tiene conto del peso, della forza di gravità, delle leve, delle spinte e dell’anatomia intera, spariscono anche sintomi, problemi di varia natura che spesso diventano cronici e anche patologie, alcune considerate, dalla medicina, ad eziologia sconosciuta (Clicca qui per leggere alcune testimonianze).


Ma allora, in cosa consiste, una volta individuato il problema MECCANICO, la sua CORREZIONE?

E’ un po’ come avere un gruppo di ingranaggi, cuscinetti, bracci, cinghie disposti in modo disordinato e non corretto e doverli posizionare nel modo corretto. Il problema è che questo gruppo di oggetti va messo nella posizione giusta ma mentre sono in movimento, mentre stanno facendo girare un meccanismo, per esempio, un motore.

Come si fa?

Considerando che correggo parti anatomiche e quindi non parti meccaniche rigide e metalliche/gommose, devo tenere conto della loro posizione nello spazio, della loro posizione tra loro, della loro forma anatomica e, attuando correzioni progressive in determinate posizioni/sedi, permettere a tutte queste parti di “lavorare” meglio, con il minimo sforzo.

Qual è la miglior correzione che si può dare ad una persona in DMA?

La sua vita abituale.

Il solo “vivere” la propria vita abitualmente, lavorando, rassettando, cucinando, portando il figlio a scuola etc. è già una correzione del DMA, senza fare esercizi particolari se non seguire le mie indicazioni CORRETTIVE di movimenti e di posizione del corpo.

A questo si aggiunge, eventualmente, ed, a seconda del tipo di DMA, un oggetto posto tra i denti che può essere un paradenti da palestra modificato preziosamente da noi in base al vostro DMA, dando già una vera e propria registrazione verso l’equilibrio meccanico ed indossato prevalentemente e contemporaneamente ad esercizi di recupero dell’equilibrio meccanico che vi verranno “cuciti addosso” in base al vostro DMA e che farete seguiti sulla nostra APP da Smartphone con le nostre precise indicazioni, oppure, a seconda, con un bite, un risultato di un morso, fatto da un dentista (almeno fino a quando non sbroglieremo la matassa “chi può fare cosa?”) ma con le nostre indicazioni, oggetto che si può portare h24 sempre tenendo conto delle indicazioni di movimento e di posizione del corpo e delle sue parti anatomiche in base alle indicazioni di CORREZIONE impartite da me o dal mio Staff su mie indicazioni.

Se vi aspettate un trattamento come Pilates o un allenamento come in palestra o una seduta di Yoga o un trattamento fisioterapico o un qualcosa di esistente, scordatevelo.

E’ molto più pratico e comodo.

La differenza tra tutti è che tutti quelli descritti pocanzi funzionerebbero ma solo su persone dritte in EMA (equilibrio meccanico abituale).

Peccato che il 99,9% della popolazione mondiale è in DMA (disequilibrio meccanico abituale del corpo) secondo la mia scoperta, e non sa di esserlo.

Forza e coraggio. E’ meno complicato di quanto pensiate e soprattutto, proprio perchè non modifica nulla ma CORREGGE la posizione di lavoro anatomico di ogni parte del corpo, dalla testa ai piedi,

è assolutamente non invasivo.

Il corpo che tende all’equilibrio meccanico è più rilassato e diventa più forte.

Le correzioni diventeranno ABITUALI, non vi accorgerete più di essere dritti e di farlo sostanzialmente “in automatico”, perchè il corpo si adatta all’abitudine “forzata”, ripetuta nel tempo.

Questa abitudine vi farà spendere, appunto, meno energia, e sarete più forti non solo fisicamente.

Si modifica anche l’estetica, in quasi tutti i casi.

Per contattarmi:

https://www.cpt-og.com/contatti 

febbraio 2020 – Maurizio Formia

Il Meccanismo che Sostiene Corpo (Hardware) e Psiche (Software). E’ ora di parlarne!


Il mio libro, scritto nel 2008 ma pubblicato nel 2009 di cui ho venduto oltre diecimila copie senza volere un editore e senza pubblicizzarlo e del quale alcune centinaia di copie le hanno acquistate medici di ogni disciplina, psichiatri e psicologi compresi, l’ho intitolato “Il Meccanismo che Sostiene Corpo e Psiche” non perchè era un bel titolo, mi piaceva e allora l’ho scelto….

il principio fisico-meccanico che ho scoperto non riequilibra solo anatomicamente la parte fisica del corpo umano ma permette il riequilbrio anche della parte psichica e, sicuramente, di alcune problematiche che la scienza considera “disturbi” (i soliti termini…disturbo cranio cervico…..disordine….disfunzione) ma che trovano la loro causa, almeno per quella che è la mia esperienza personale diretta e di altre migliaia di persone, nelle “distorsioni”(un altro termine utilizzato in termini psichici e fisici) del corpo fisico-meccanico. (Ci tengo a precisare che le figure professionali sarebbero comunque importanti perchè il percorso di riequilibrio andrebbe, a seconda dell’individuo, accompagnato dal sostegno psicologico-psichiatrico)

Lo “stress”, per chi ha letto il mio libro, è un altro termine che significa “tensione” e che si riporta sia sulla sfera psichica che fisica.

Ma allora, una persona muscolarmente tesa e rigida, sarà anche tesa e rigida sul piano emotivo, psicologico, comportamentale?

Lo chiedo da anni ad alcune categorie professionali che non rispondono, non sanno in realtà nemmeno di cosa parlo…

io provo a darne una spiegazione che, ribadisco, deriva dall’esperienza, non dall’aver letto un libro di un docente o di uno scrittore.


La psico-somatica oggi la fa da padrone: per anni mi sono rivolto a specialisti, medici, non medici, anche psicologi e psichiatri e, non trovando LA SOLUZIONE (non mi accontento di contenere i sintomi io), anche da medici alternativi e maestri spirituali.

Per anni mi hanno detto che i miei disturbi avevano la loro causa in una non so quale parte recondita dei circuiti cerebrali che attivavano, non è dato sapere con quale principio elettrico-psichico, parti anatomiche che andavano ad attivare recettori i quali mi facevano vedere Tir che mi venivano incontro anche quando, per esempio, ero seduto sul divano a riposarmi.

Parlo dei DAP e dell’ansia (DAP-Attacchi di Panico), in questo caso.

La spiegazione fisica-meccanica del DAP è contenuta nella Parte Quarta del mio libro, leggetevelo, è molto corposa, ma in questi anni mi sono spesso scontrato con psicologi e psichiatri, maestri spirituali e praticanti di discipline olistiche su quelle che sono le “congiunzioni”,  tra la parte fisica-meccanica (l’hardware) e la psiche (il software) del corpo umano.

Non siamo computer ma siamo molto simili: il computer utilizza componenti chimici mentre noi utilizziamo componenti biochimici.

Gli impulsi elettrici del nostro corpo che, per esempio, fanno contrarre un muscolo, da dove provengono? Dov’è la nostra centrale elettrica?

Quali sono i processi che creano e producono un determinato impulso elettrico che porta, per esempio, lo stomaco, a mettersi in moto quando ingeriamo il cibo?

Ci dicono che sono reazioni biochimiche blablabla…. ma chi le comanda?

Chi comanda chi? Primariamente?

Siamo sempre alle solite: ci si fissa sugli effetti e non si ricercano le cause. In tutte le discipline.

La scienza dice che sono “reazioni….” la spiritualità si affida a Dio….


Spesso mi capita di leggere le solite tesi trite e ritrite …..”emisfero destro, emisfero sinistro….dominanza, logica, analogica, razionale, emotivo….” tralasciando quella che a mio avviso dovrebbe essere studiata e presa come riferimento in futuro per comprendere davvero il funzionamento dell’Essere umano.

Abbiamo una rete “internet” di impulsi elettrici, o meglio, bioelettrici che vengono decodificati in aree cerebrali specifiche ma….

non siamo una rete di fili e nemmeno wifi.

Siamo una rete bioelettrica che controlla e regola parti fisiche-meccaniche in un corpo che è anche “mente”, “psiche”, lei stessa contenuta in un organo fisico (a quanto ci dice la scienza) soggetto a forze fisiche e meccaniche, alimentato da “tubicini” che trasportano materiale organico e bioelettrico a loro volta prodotti dal cibo e dall’aria che respiriamo.

E’ incredibile come una persona in DMA (disequilibrio meccanico abituale) secondo la mia scoperta, tenda ad essere più o meno “distorta”anche in termini psichici e di capacità di ragionare, emozionarsi, provare paure o ansie…..

dovrei scrivere un trattato, non basta un articolo.

Psico Somatica o Somato Psichica?

Entrambe. Ma non diamo priorità alla prima altrimenti facciamo un danno abnorme al nostro “bio-computer” che è l’Essere umano.

Un corpo reso teso e rigido fisicamente dal Disequilibrio Meccanico Abituale sconosciuto da ogni disciplina esistente, è un corpo sicuramente sotto tensione “STRESS” fisico che si ripercuote sotto forma di tensione “Stress” psichico-emozionale-comportamentale.

Avete ancora dubbi sulla mia competenza e professionalità?

Un mio cliente mi scrive:”…. ho studiato di recente per un esame universitario economia dell’innovazione e c’è una parte molto interessante: esiste una piattaforma che si chiama “*******” che sostanzialmente mette in contatto chi ha un Problema di innovazione (di qualsiasi Natura) con altri soggetti che sono in grado di risolvere il problema stesso. Ecco l’aspetto davvero interessate:la maggior parte di coloro che risolvono i problemi non sono dello stesso settore, si avete capito bene! Hai un problema di elettrotecnica, te lo risolve un geologo, un meccanico, ecc, ecc. Questo perché chi proviene da “fuori” è capace di guardare “out of the box”, cioè fuori dagli schemi! Ed è la conferma (ma non ce ne era bisogno) di quello che ha sempre ripetuto Maurizio sulla sua scoperta, solo “lui” poteva arrivarci, non uno che è dentro il settore, il sistema, con i suoi schemi predefiniti..

Tutto quanto esistente in questo mondo è fisicità: anche i pensieri, anche le emozioni.

Io penso che il nostro cervello sia davvero collegato ad un “Main Computer”, una matrice che molto presumibilmente è di natura elettromagnetica, che ci collega tutti in una grande “rete” cerebrale e di pensiero che alcuni riescono a “captare”, alcune persone che hanno più sviluppata o più “stressata” una parte cerebrale che, presumibilmente, dovrebbe essere quella destra, analogica, che, per esempio, è più “forte” conseguentemente al lato opposto del corpo “forte” secondo la mia scoperta. E’ dominante in persone con DMA (Disequilibri Meccanici Abituali) di cedimento meccanico a destra del loro corpo.

Anni fa fui rapito dalle teorie di Hamer della Nuova Medicina Germanica e scrissi al dottore facendogli presente che, secondo me, c’era un anello mancante nelle sue tesi e che il Meccanismo che Sostiene Corpo e Psiche probabilmente poteva colmare questi che io considero errori grossolani, a fronte della mia scoperta ed invenzione.

Un DMA a sinistra in un mancino non attiva nulla di quanto sosteneva il dott. Hamer….. ma questa per molti è fantascienza, torniamo con i “piedi per terra”, piedi storti con carichi asimmetrici e ruotati….e addio propriocezione e recettori.

Non mi rispose mai. Secondo me il suo DMA a sinistra e quindi con l’emisfero destro debole, gli impediva di andare oltre e, raggiunta la sua tesi non l’avrebbe mai messa in dubbio.

Le mie tesi, per esempio, sono pronto a smentirle. Chi ci riesce avrà la mia stima e sarò pronto a dargli una mano per promuoverle in modo costruttivo e di aiuto e sostegno alla collettività.

Approfondirò in altri articoli ma mi piacerebbe un vero confronto con specialisti e ricercatori che curano ancora i DAP con sintomatici invece di comprenderne la vera causa meccanica.

A presto….

Maurizio Formia – febbraio 2020

 

 

 

Sabato 11 aprile 2020 ore 15- Lago delle Lame (Rezzoaglio-GE): quando la fisica e la meccanica “incontrano” la spiritualità


– Il Meccanismo che Sostiene Corpo e Psiche al Cacao Love Festival – Ritiro Sciamanico –

Non è un tabù: sul mio libro pubblicato nel 2009 ringrazio una persona a me cara, un Maestro che mi ha sostenuto, in un periodo molto sofferto, nel percorso di “intuizione” sulla scoperta del Meccanismo che Sostiene Corpo e Psiche.

Le oltre diecimila copie del mio libro, vendute senza editore e senza pubblicità, molte acquistate da medici e da operatori sanitari,

oltre mezzo milione di visitatori sui miei siti web e migliaia sui social,

scontri e vere e proprie battaglie legali e politiche in Parlamento per stabilire un principio che, alla fine, provano inutilmente a copiare molti medici e specialisti senza conoscere nulla della mia scoperta ed invenzione e senza mia autorizzazione:

….da sempre, oltre alla meccanica ed alla fisica che in questo pianeta, in questa terza dimensione, sono fondamentali anche solo banalmente per reggersi in piedi, mi occupo di ricerca anche nel campo delle discipline olistiche e nella spiritualità.

L’anno scorso mi è capitato, grazie ad un amico della stupenda Valle d’Aosta, o meglio due Amici, Renato ed Andrè, di incontrare il grande Maestro Tata Kachora, un indiano Yaqui  di 106 anni, che ha ispirato uomini come Carlos Castaneda (Gli insegnamenti di Don Juan, Viaggio a Ixtlan, ….etc.).

Avevo letto alcuni suoi libri negli anni ’80 e sono rimasto stupito alla notizia che il Don Juan di Castaneda fosse vivo ed in forma alla “tenera” età di 106 anni. Non fosse altro per l’età e per il viaggio dal Messico all’Italia, anche per chi è meno spirituale, è comunque una persona che merita profondo rispetto.

Con il suo “staff” italiano è nata una bella e fraterna amicizia, una sorta di “reunion” spirituale che stiamo coltivando sperando di coinvolgere sempre più persone che hanno la volontà di offrire un valore aggiunto a questa realtà, migliorandone la permanenza e l’ambiente.

All’invito di Ermanno, traduttore del Tata Kachora e grande Maestro Sciamano, non ho potuto che rispondere con entusiasmo.

Sabato 11 aprile alle 15:00 porteremo la nostra esperienza fisica-meccanica a questa meravigliosa platea e proveremo a spiegare le correlazioni che legano la meccanica e la fisica con l’energia e l’Arte della cura del corpo in un ambiente sicuramente non medico ma di Arte medica.

Di seguito cito testualmente dalla locandina dell’evento e successivamente la nostra locandina:


“CAMINANTE ROJO ITALIA PRESENTA:
UN IDEA DEL RUPPO DI APPOGGIO DELLA FAMIGLIA DI TATA KACHORA.

Cacao Love Festival
RITIRO SCIAMANICO

In un’era in cui oggi l’umanità è alla ricerca di risposte per vivere in uno stato di coscienza armonica che integri tutti gli elementi naturali che la terra abbraccia.
Nasce da questa necessità, creare uno spazio in cui l’essere umano possa trovare alternative per sviluppare il proprio potere. Sì, con rispetto e onestà Cacao Love Festival , avvicina i suoi assistenti alle diverse discipline di guarigione ancestrali che per anni sono state condivise da Donne e Uomini Medicina.

Lago delle Lame situato nella zona montuosa dell’Appennino del Rezzoaglio, Genova, sarà il luogo che ospiterà
Dal 9 al 14 aprile il CLF, varie tecniche di guarigione saranno raccolte attraverso l’insegnamento dei segreti e delle virtù che le piante conservano.
Il passaggio della linea spirituale dell’Arcangelo Michele tocca gli oltre 18 ettari di foreste, cascate e corsi d’acqua che testimonieranno questo primo ritiro sciamanico. Iniziativa che la Ass. Caminante Rojo Italia mette in atto a beneficio di chiunque ami avvicinarsi.

Dopo aver celebrato due cerimonie di Danza sulla Madre Terra per mano di Tata Kachora, un indiano Yaqui di oltre 106 anni che ha ispirato uomini come Carlos Castaneda (“Gli insegnamenti di Don Juan”, “Una realtà Separata”, ecc.) Bert Hellinger (Creatore delle Costellazioni Famigliari Sistemiche), tra gli altri, intreccia le reti in modo da poter fare un solido passo verso il benessere di ciò che stiamo vivendo. L’idea del Cocoa Love Festival/ Ritiro Sciamanico è quella di condividere con tutti l’opportunità di trovare un equilibrio emotivo, fisico e spirituale attraverso diverse attività.
Temascal, Cerimonia del Cacao, Danza estatica, Costellazioni Famigliari , Cerimonia della Chanupa (Sacra pipa) sono alcune delle discipline che verranno insegnate con amore ai suoi assistenti.

Per essere un incontro che diventa una tradizione e come un altro passo per continuare a tenere la Cerimonia della Danza alla Madre Terra il prossimo settembre con l’Anziano Tata Kachora, Cacao Love Festival spera di poter contare sulla tua assistenza nell’aprile 2020. La natura ci sorprenderà con la bellezza di i suoi laghi glaciali, alberi e pietre che porteranno saggezza a coloro che si incontrano in questa parte enigmatica del pianeta. Con il forte desiderio di vederti lì per te e per tutte le nostre relazioni.
AHO!

CACAO LOVE FEST
RITIRO SCIAMANICO”


Lago delle Lame – Rezzoaglio (GE) – 11 Aprile 2020 ore 15.00

Relatore: Melissa Mirabile (Trainer Certificato Conscious Practice Training OG) con la partecipazione di Maurizio Formia (info e contatti a fine documento)

Il Conscious Practice Training OG è una nuova disciplina di esclusiva
mondiale,
nata a seguito della scoperta di Maurizio Formia, personal trainer, musicista
(percussionista-batterista) di Torino, che ha condensato e pubblicato nel 2009
nel libro
Il Meccanismo che Sostiene Corpo e Psiche

OG sono le iniziali di Occlusione e Gravità

ed indicano una parte importante della scoperta che condensiamo in queste
poche parole:
“ Il Cranio è sostenuto da 3 punti principali: la colonna cervicale e le emiarcate
dentarie;
se uno di questi punti non si trova ad una determinata distanza ed altezza, il
cranio tende a cadere nella direzione del punto più vicino e la muscolatura
che avvolge testa e collo comincia a lavorare in modo asimmetrico ed in
tensione asimmetrica comprimendo e ruotando, a cascata, tutte le vertebre
della colonna vertebrale, tutte le ossa, lussando tutte le articolazioni e
comprimendo nervi, vasi ed organi.”
“Il corpo si trova in una condizione di fatica, di compressione, di tensione
(meccanica-muscolare e conseguentemente e reattivamente psichica), da qui
meccanismo che sostiene corpo e psiche.
Se non identificata e corretta, questa condizione è sempre degenerativa, mai
compensatoria.
Il problema è che….
…questo fenomeno/principio fisico, è sconosciuto da tutte le discipline
esistenti, siano esse mediche o di medicina alternativa o discipline olistiche.
Maurizio Formia parla di Disequilibrio Meccanico Abituale del corpo
umano.
La sua attività che prima si chiamava “Metodo OG” poi “Biomeccanismo OG”,
si è evoluta in
Conscious Practice Training OG.
Circa 7 miliardi di persone nel mondo hanno un disequilibrio meccanico
abituale del corpo e non ne sono consapevoli.
Ogni individuo ha un disequilibrio meccanico abituale differente che
Maurizio ha identificato in 4 Fasi e sui tre piani spaziali: frontale,
longitudinale e sagittale.
Il Disequilibrio Meccanico Abituale del corpo non si cura,
si CORREGGE
Di seguito alcuni esempi di riequilibrio meccanico abituale del corpo con il
CPT-OG (Conscious Practice Training OG):

“Un Corpo in Equilbrio Meccanico Abituale con il
Conscious Practice Training OG è più forte e spende
meno energia per stare in piedi e per affrontare la vita.”

– La campionessa olimpica di pallanuoto Elena Gigli e il suo
riequilibrio che ha corretto il cedimento del suo corpo verso la sua
sinistra, problema che l’ha attanagliata per tutta la sua carriera:

Anche nelle pratiche olistiche è importante essere in equilibrio
meccanico abituale. Perchè?
Perchè se non avete i centri energetici allineati, tutte le vostre
attività saranno disarmoniche. Vibrerete, “suonerete” un violino (il
vostro corpo) scordato; eccone un esempio che ci siamo permessi
di evidenziare:

Un corpo in Equilibrio Meccanico Abituale utilizzando il principio
fisico OG riallinea, anche, in un contesto prevalentemente olistico,
Chakra e meridiani facendo scorrere energia fluidamente e senza
“blocchi”.
Nemmeno i monaci tibetani con le loro tecniche riescono (a meno
che non siano in equilibrio meccanico abituale dalla nascita) a
riallineare perfettamente questi centri energetici.


– Info e contatti:

– Siti web:
Conscious Practice Training OG: https://www.cpt-og.com
Maurizio Formia – OG.studio: https://www.maurizioformia-og.studio
Biomeccanismo OG: https://www.biomeccanismoposturale-og.social
– Per fissare un appuntamento: https://www.cpt-og.com/contatti
– E mail: staff.cpt@cpt-og.com
– Libri: https://www.cpt-og.com/i-libri-di-maurizio-formia/

 

copyright 2020 – Maurizio Formia – CPT-OG

La nuova attività – il CPT-OG non è un auto-bilanciamento


Sono anni che cerchiamo di porre un confine netto con tutte le discipline conosciute, siano esse mediche, del mondo del wellness, del fitness, discipline olistiche e medicine alternative.

Il Conscious Practice Trainingo OG è l’applicazione al corpo umano della scoperta e dell’invenzione di Formia Maurizio. Leggi tutto “La nuova attività – il CPT-OG non è un auto-bilanciamento”

Differenza tra POSTURA ABITUALE e ATTEGGIAMENTO POSTURALE


Il Conscious Practice Training OG così come il Biomeccanismo OG CORREGGE, tra le altre parti anatomiche e DEFINITIVAMENTE, la POSTURA ABITUALE del corpo e non il vostro ATTEGGIAMENTO POSTURALE.

Avete bisogno di un esame o di una rx per vedere la differenza? Siete in malafede:


La POSTURA ABITUALE del vostro corpo è la posizione che assume il vostro corpo quando, per esempio, si rimane di fronte ad una vetrina, in piedi senza fare nulla e senza atteggiarsi. Leggi tutto “Differenza tra POSTURA ABITUALE e ATTEGGIAMENTO POSTURALE”

I centenari della Sardegna (e non solo) sono tutti in sostanziale Equilibrio Meccanico Abituale del corpo. Nessuno lo sa.


Nessun ricercatore di ogni disciplina riesce oggi a vedere un Disequilibrio Meccanico Abituale del corpo pertanto, la spasmodica ricerca della motivazione per la quale in alcune zone della Sardegna ci sono molti centenari, a nostro avviso e peraltro potendolo dimostrare anche abbastanza facilmente, oltre ad avere aria acqua, cibo e abitudini sane, queste persone sono tutte in sostanziale Equilibrio Meccanico Abituale secondo la mia scoperta “Il Meccanismo che Sostiene Corpo e Psiche“(2009)

Cos’è il Disequilibrio Meccanico Abituale del corpo umano?


Un esempio di Disequilibrio CORRETTO (non si cura un disequilibrio meccanico abituale, si corregge) applicando la mia scoperta ed invenzione: (clicca sull’immagine per ingrandire)

L’immagine della ragazza (Giulia) prima e dopo il riequilibrio meccanico abituale del corpo è evidente: ha recuperato simmetria ed equilibrio scheletrico oltre alla meccanica muscolare e del connettivo.

Di seguito alcune immagini di centenari: notate come sostanzialmente ricalcano l’immagine di Giulia DOPO il riequilibrio meccanico abituale con OG:


(immagine tratta da:  https://www.taccuinigastrosofici.it/ita/news/contemporanea/antropologia-alimentare/dieta-dei-centenari-del-Cilento.html)


 

Noi che abbiamo utilizzato il Biomeccanismo OG e il CPT-OG siamo più dritti ed in equilibrio meccanico abituale.

Siamo più forti, abbiamo meno acciacchi, meno sintomi e molti anche meno malattie. Ci ammaliamo meno. Spendiamo meno in medicina e farmaci.

Sarà un caso?

 

2020 – Maurizio Formia