Nel 2001 ho scoperto


Il Meccanismo che Sostiene Corpo e Psiche

“Il Meccanismo che Sostiene Corpo e Psiche è una scienza esatta ed è Universale: vale per tutti. È un principio fisico/meccanico ripetibile su tutti indistintamente, che ci permette di vivere su questo pianeta con il minimo sforzo.

Conseguire l’Equilibrio Meccanico del Corpo con il Biomeccanismo OG-OcclusioneGravità e oggi con l’evoluzione del Conscious Practice Training OG è vitale come il mangiare e il bere, a prescindere dalla condizione di salute dell’individuo.”

Scrivono di me e del Meccanismo che Sostiene Corpo e Psiche- OG


Questo è il prototipo, molto rudimentale, che ho costruito in condizioni fisiche gravi (stavo malissimo, avevo un crollo meccanico abituale, per la medicina non avevo nulla, ero SANO), nel 2001 e che mi ha permesso di arrivare alla scoperta del Meccanismo che Sostiene Corpo e Psiche:

Prototipo OG 2001

“Dopo anni che ci bombardano di pseudo-teorie non scientificamente dimostrate su Occlusione-Postura-Denti, la novità è che il Meccanismo o meglio Bio-Meccanismo che mantiene in equilibrio meccanico il corpo umano, non dipende dai denti.            

L’anello debole della MECCANICA del corpo è ANCHE (MA NON SOLO) la Postura / Posizione di chiusura della bocca; è un movimento come un altro, come il movimento di un arto: si chiama “Occlusione”.

 Questa dovrebbe essere la sua definizione primaria. 

Con questa scoperta è possibile dimostrare senza alcun dubbio, a differenza di quanto sostiene la medicina, che un qualsiasi oggetto, posto tra i denti, può modificare in meglio o in peggio la MECCANICA del corpo umano modificandone le forze.

A cascata si modifica anche la POSTURA, la FISIOLOGIA, la SALUTE dell’individuo.

Per 15 anni ho provato a coinvolgere le Istituzioni, non mi hanno ascoltato. Hanno provato a copiarmi nemmeno troppo di nascosto, screditandomi pubblicamente. Pensavamo (io e le centinaia di persone che fanno parte del Comitato OG ) che il medioevo fosse terminato da tempo….”

 Maurizio Formia


Nicola Tesla scriveva: “La progettazione, elettrica o meccanica, è inequivocabile nei risultati. È raro trovare un argomento che non possa essere esaminato preventivamente, partendo dai dati teorici disponibili e dai dati pratici. Il tradurre in pratica una pura idea come generalmente si fa, è, ritengo, nient’altro che una perdita di energia, di tempo e di denaro.”

  Un progetto MECCANICO che funziona teoricamente, funziona anche in pratica.

E’ il caso del Biomeccanismo OG che ho inventato; non serve dimostrazione o sperimentazione se si sostiene che una sfera senza un sostegno cade laddove questo manca o si trova ad un’altezza più bassa rispetto agli altri.


Un errore grossolano dettato da anni di confusione: la Simmetria nel corpo umano.

E’ un errore comunicativo che ho commesso anche io in passato perchè seguivo, almeno per quanto riguarda il sentire comune e non l’etimologia delle parole, il “gregge”. E’ un errore di “terminologie” ma non di Fatti e di Tesi, sia chiaro.

 Partiamo da lontano: cos’è la Simmetria? 


Da wikipedia: ” Il termine simmetria indica generalmente la presenza di alcune ripetizioni nella forma geometrica di un oggetto. L’oggetto può essere ad esempio una figura bidimensionale (un dipinto, un poligono, una tassellazione, …) oppure una figura tridimensionale (una statua, un poliedro, ….). Molte simmetrie sono osservabili in natura. Il concetto di simmetria è ampiamente studiato in geometria ed è usato in matematica e fisica con un’accezione più generale.

Esempi di Simmetria:

vitruviano

farfalla

tipi

L’Uomo Vitruviano di Leonardo l’ho voluto nella copertina del mio libro in quanto è il simbolo della Simmetria e della Postura tuttavia nella copertina del mio libro lo troverete con alcune linee tracciate che indicano poi quella che è la mia scoperta.



Le simmetrie nel corpo umano:

scheleter

Un errore commesso da molti è pensare che lo scheletro del corpo umano sia simmetrico.

Il nostro scheletro non è “speculare” se diviso in due parti; basti prendere come riferimento la gabbia toracica più grande nel lato dove non c’è il cuore.

Il problema è anche questo: quasi sempre le nostre ossa si trovano in posizione A-simmetrica rispetto a quella linea verticale verde del filo a piombo.

Per la scienza l’A-simmetria è normale, siamo tutti un po’ storti e a-simmetrici ma il Terzo Principio della Dinamica di Newton ci dice: “Ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria.”

Le teorie di Newton, tuttavia, sono teorie che partono da assiomi.

La mia percezione e i miei studi, nel 2016, mi portano a dire che sarebbe meglio parlare di forze magnetiche/elettromagnetiche e densità di un corpo.

A prescindere dalla densità del nostro corpo che va comunque presa in considerazione ed è fondamentale per mantenerci in postura eretta e per “nuotare in questa atmosfera”(in acqua le cose, riferite alla postura umana, cambiano),

il corpo umano non sta in piedi in levitazione (perlomeno non ancora) ma grazie ad un insieme di forze e di leve.

Cosa ci deve interessare? Che il peso degli organi, dei muscoli e dello scheletro vengano mantenuti in “equilibrio” di leve e di forze.

Per questa ragione parlare di “simmetria” è fuorviante ed è per questa stessa ragione che io parlo di DISEQUILIBRIO.



 DISEQUILIBRIO MECCANICO ABITUALE DEL CORPO.



La mia scoperta:

Esiste solo una posizione della testa e del corpo che determina il punto di Equilibrio di pesi e di forze tale che la risultante sia nulla.

Questo punto di Equilibrio si trova grazie alle indicazioni dell’Operatore OG-Trainer OG.

Come funziona questo “principio fisico meccanico”?

Non voglio svelarvi troppi particolari sul sito web; trovate approfondimenti sul mio libro che ho pubblicato anche per sostenere le spese che in questi anni sto affrontando e ho dovuto affrontare per fare in modo che questa scoperta ed invenzione vengano riconosciute anche a livello Istituzionale.

Se acquistate il mio libro, sostenete la “causa”.

Se volessimo disciplinare questa scoperta e invenzione, le discipline attinenti sarebbero La Fisica e La Meccanica, il mondo del fitness e del wellness e, solo marginalmente, la medicina.

Perchè “solo marginalmente”? Perchè l’essere umano deve essere in equilibrio meccanico abituale A PRESCINDERE dalla condizione di salute-fisica-psichica.

Cosa c’è di complicato tanto che nessuno ci arriva?

Il complicato è l’ARTE di trovare questo punto di equilibrio di pesi e di forze.

Questa ARTE è il Biomeccanismo OG e oggi la sua evoluzione: il Conscious Practice Training OG 

Per farvi capire di cosa si tratta ho semplificato di molto, ma vi assicuro che non è facile. E’ semplice teoricamente ma diventa complicatissimo doverlo applicare scientemente su ognii individuo. Leggete la pagina “Chi sono” e vi renderete conto che non basterebbero 10 lauree per arrivare a queste tesi. Con tutto il rispetto per chi ha una laurea ma a studi e a sofferenze non prendo lezioni da nessuno.

Anni e anni di studio e di riconoscimenti, a piccoli passi, uno dopo l’altro.

Per questa ragione tendo a mettervi in guardia da chi si “inventa” facendo da sè e copiando le mie tesi.

E’ impossibile essere in grado di copiare 15 anni di esperienza partendo da una situazione di “crollo meccanico abituale” come il mio, nella Fase più complessa e riuscendo, solo con le mie forze, con l’analisi e le prove di tutte le variabili possibili di ri-equilibrio-compensazione-contro-compensazione, ad ottenere il risultato e ad ottenerlo su ogni tipo di disequilibrio e su ogni INDIVIDUO.

La MECCANICA ABITUALE del corpo è estremamente INDIVIDUALE.

Abbiamo tutti due gambe e due braccia ma infinite tipologie di disequilibri meccanici abituali, senza esserne consapevoli.

Come si trova l’equilibrio meccanico abituale di un corpo?

Nessuno, ad oggi, lo sa. Noi si.

Tanti hanno cercato e cercano di copiarla ma il risultato è quello di farvi perdere tempo e forse compromettere la possibilità di ottenere il vostro Equilibrio Meccanico Abituale del corpo.

Vi metto in guardia perchè se non si applica scientemente la mia scoperta ed invenzione, non si potrà ottenere il famoso quanto famigerato “equilibrio” di cui oggi tanto si parla sia nelle discipline mediche che in quelle olistiche.

Non lo scrivo con presunzione ma un principio fisico meccanico è un principio fisico meccanico, non ci sono alternative e non ci si può “inventare”.

Vi faccio un esempio: tenete una mela in mano e lasciatela cadere a terra. La sua caduta sarà sul filo a piombo e solo sulla linea del filo a piombo, a meno che non ci sia una forza laterale a spingerla. E’ un principio fisico indiscutibile.

Il Biomeccanismo OG è un principio fisico-meccanico indiscutibile. 

La cosa importante è che questa invenzione si applica su tutti, indistintamente. Siamo tutti soggetti all’attrazione verso il basso: tutto ciò che ha una densità maggiore rispetto all’aria.

Per questa ragione all’Operatore OG – Trainer OG non interessa la condizione di salute della persona che ha davanti. 

manozz1

Identificare un Disequilibrio Meccanico Abituale di un corpo significa analizzarne la MECCANICA, la forma e la sua posizione nello spazio; è come identificare ed evidenziare con le linee verdi e rosse le falangi storte delle dita a fianco.

manoz

Ho evidenziato un problema che nel caso della foto della mano è evidente, meno evidente invece è identificare e vedere (SI VEDE AD OCCHIO, NON SERVONO STRUMENTI O MACCHINARI) un Disequilibrio Meccanico Abituale di tutto il corpo dalla testa ai piedi. Ho impiegato anni di esperienza oltre che di studio sulla mia persona e oggi su migliaia di persone, per questo non tutti riescono a identificare un Disequilibrio Meccanico. Non serve tuttavia una laurea ( nessun laureato c’era mai arrivato) per capire che quelle dita così come sono non sono normali ma andrebbero riportate sulla stessa linea: è esattamente quello che faccio con l’identificazione/individuazione da una foto o dalle persone che vedo in tv piuttosto che in una piazza: identificare il Disequilibrio Meccanico Abituale del corpo si può fare in qualsiasi posto e situazione!

Le persone che hanno un minimo di praticità che leggono le prime pagine del secondo capitolo del mio libro mi dicono che “non fa una grinza” la mia scoperta perchè è palese e scientifica anche solo teoricamente: non necessita di dimostrazione. La Meccanica è  FISICA -MATEMATICA, è una scienza esatta.

Si parla ovunque di ricerca dell’equilibrio fisico e di equilibrio psichico e si tralascia un principio fondamentale che vi descrivo in questo sito. Prima di ricercare il vostro equilibrio altrove dovreste essere meccanicamente equilibrati altrimenti ogni altra ricerca di ipotetici equilibri risulterà fasulla e sarà falsata.



Il 95% della popolazione mondiale è in Disequilibrio Meccanico Abituale e non sa di esserlo.

Non è presunzione perchè basta guardare le persone in TV o scendere semplicemente in strada.

Per questa ragione, il Disequilibrio Meccanico Abituale del corpo non potrà mai essere disciplinato come medicina in quanto tutta la popolazione mondiale dovrebbe essere riconosciuta malata.

Quando verificherete di persona le mie tesi e proverete il mio trattamento vi renderete anche voi conto che tutte le persone che incontrerete per strada sono tutte “storte”, anche se non saprete identificarle perchè quello è il mio lavoro, le vedrete storte. Capita sistematicamente a tutti i miei clienti. Il problema è che per la scienza questo “essere storti” non avrebbe alcuna conseguenza sul corpo umano e invece non è così.

Ovviamente ci sono poi diversi fenomeni, del tutto sconosciuti dalla comunità scientifica, che si verificano in concomitanza al disequilibrio e al ri-equilibrio con il Biomeccanismo OG ed il CPT-OG. Alcuni di questi sono pubblicati sul mio libro.

Questo sono io a 18 anni:

Ecco l’identificazione del disequilibrio meccanico abituale della mia testa; badate che non è solo la testa in disequilibrio ma, di conseguenza, tutto il corpo, dalla testa ai piedi è in disequilibrio meccanico di leve, di forze, di spinte, di pressioni:

Maurypatente

Mauiziog


I centenari sono tutti pressoché in equilibrio meccanico abituale: questo signore l’ho fotografato io stesso e ha quasi 100 anni; la forma e la posizione delle parti della testa sono pressochè speculari (simmetriche) ed in equilibrio meccanico rispetto allo spazio circostante. Non servono rx per vederlo, anzi, sono fuorvianti perchè le rx non tengono conto dello spazio circostante e delle leggi fisiche. Sicuramente un corpo in Equilibrio Meccanico Abituale è più forte. Per questo invecchia anche meglio?

011

012


Badate che al disequilibrio Frontale va sempre unito e sommato quello Antero-Posteriore quindi più uno si trova in squilibrio anteriormente e di profilo, più il suo problema sarà serio perchè il suo corpo dovrà compensare e fare un lavoro più duro e più faticoso per sostenersi.

Non confondete  la posizione ABITUALE (la posizione che si assume normalmente-abitualmente) con la “posa”. Attenti quindi a parlare di postura, di disequilibrio meccanico abituale; va distinta in postura ABITUALE scorretta della persona in Disequilibrio Meccanico e postura ABITUALE corretta della persona in Equilibrio Meccanico con il Biomeccanismo OG-OcclusioneGravità e/o il CPT-OG.

Le foto che vedete sul mio sito sono di persone in POSIZIONE ABITUALE quindi non hanno forzato la loro posizione sia prima che durante che dopo l’utilizzo del Biomeccanismo OG.


Profilo 11 mesi dopo a


Allego quattro immagini che indicano i miglioramenti meccanici e sul benessere psicofisico conseguente di chi utilizza la mia invenzione: da destra a sinistra vedete i miglioramenti che ha avuto questo signore dalla condizione di partenza a soli 9 mesi dall’inizio del trattamento OG. In quelle condizioni 9 mesi di trattamento sono davvero poche rispetto alla prospettiva di rimanere tutta la vita come nella prima foto a destra.

Notate come non servano immagini e fotografie professionali

il disequilibrio ed il confronto sono talmente evidenti che non serve a nulla avere strumentazione e macchinari. Ovviamente per la privacy ho coperto il volto:

Senza nome-congiunto confronto

clicca sull’immagine per ingrandire

La differenza tra l’inizio dell’utilizzo del Biomeccanismo OG a partire da destra verso sinistra è palese.

Si nota anche la stabilizzazione del recupero dopo anni e addirittura il ritorno alle fisiologiche lordosi e cifosi (curve della schiena) in armonia ed in equilibrio.


 IMPORTANTISSIMO:

LE FOTO DEI CONFRONTI SONO UN’ESCLUSIVA MAURIZIO FORMIA OG-OcclusioneGravità 

 profilo-home


E’ proprio questa la chiave della mia scoperta e invenzione: il Meccanismo che permette al corpo di sostenersi senza sforzo eccessivo e che ho chiamato

Il Meccanismo che Sostiene Corpo e Psiche.

Il Biomeccanismo OG così come il Conscious Practice Training OG sono procedimenti che si utilizzano in DISEQUILIBRIO MECCANICO DEL CORPO per tornare in EQUILIBRIO MECCANICO DEL CORPO, analizzandoli PROGRESSIVAMENTE nel tempo.

Il mio lavoro ovvero l’arte di aiutare la persona a trovare l’equilibrio meccanico abituale del corpo non è per niente semplice: è complicatissimo e nessuno ad oggi conosce questo principio e lo sa applicare.

Non fate l’errore di pensare che sia facile, come molti hanno fatto, erroneamente e superficialmente, in passato.


Scoperta ed Invenzione sono pubblicati dal 2002; potete utilizzarli leggendo bene 

Meccanismo-OG/ Autorizzazioni e Permessi” 

 

 

Maurizio Formia OG-Occlusione Gravità